Contattaci subito

per un appuntamento

Disturbi del Linguaggio

Disturbi del Linguaggio

Si parla di Disturbi del Linguaggio quando la capacità di codificare tutte o alcune componenti del sistema linguistico si manifesta in ritardo, si sviluppa troppo lentamente o in maniera alterata. Si distinguono in:

  • Disturbi di codifica fonologica (es. cappa per scarpa)
  • Disturbi di codifica sintattica (es. i bambini corre)
  • Disturbi lessicali (lavandino per rubinetto). Di solito il lessico è poverissimo.
  • Disturbi pragmatici (riguarda elementi come comprendere e usare i significati)

I Disturbi Specifici del Linguaggio secondo la definizione di Rapin e Allen (1996) sono disturbi della codifica fonologica, sintattica e lessicale che si manifestano in soggetti indenni dal punto di vista neurologico, cognitivo, sensoriale e relazionale. Di natura neurobiologica. Si distinguono in:

 Disturbi misti (recettivo-espressivi)

  • Agnosia uditiva verbale (deficit di decodificazione fonologica), la forma più grave, caratterizzata da assenza della capacità di processare il linguaggio indirizzato. La produzione verbale è assente o limitata. Spesso accompagnata da comportamenti tipici della condotta autistica.
  • Disordine fonologico sintattico, dova la produzione verbale è presente con errori fonologici e morfosintattici frequenti, ma con tendenza a miglioramento. La comprensione è scadente e c'è alta sensibilità alla variazioni del contesto fonetico, della velocità di produzione, della lunghezza dell'enunciato e del contenuto (atteso-inatteso; contestualizzato o meno). Spesso il bambino ha un tempo di risposta eccessivo alle domande sociali ( es. Che classe fai? ), tende a rivolgersi al genitore per la ripetizione dell'enunciato, dà risposte non congruenti, prova fastidio per le situazioni di rumore, ha difficoltà a comprendere consegne specifiche non contestuali. Nella scuola primaria si possono presentare difficoltà di attenzione in classe, tendenza ad isolarsi dai coetanei (questi bambini funzionano difficilmente in gruppo, meglio nelle relazioni a due), difficoltà a separarsi dai genitori in ambienti nuovi, richiesta di ripetizioni in famiglia (non a scuola perché si inibiscono). Nella scuola  secondaria tendono ad evitare contesti rumorosi, hanno difficoltà a seguire la TV, ad usare il telefono,difficilmente frequentano coetanei in ambienti extrascolastici, hanno ancora difficoltà a separarsi dai genitori in ambienti nuovi, tendenza a comportamenti inibiti e a umore depressivo.

 Disturbi espressivi

  • Disprassia verbale, dove il linguaggio è intellegibile, spesso anche ai genitori, caratterizzato dall'uso di pochi contoidi anche se la produzione verbale è abbondante. Ci sono suoni preferiti che vengono ripetuti per produrre le parole. Questi bambini sperimentano perciò costante frustrazione comunicativa e spesso sono presi in giro dai coetanei. A livello comportamentale e motorio sono moto agitati. Spesso lettura e scrittura si sviluppano meglio della produzione verbale.
  • Deficit di programmazione fonologica, che presenta ritardo nell'organizzazione della struttura fonotattica; l'unica struttura prodotta dal bambino è la sillaba piana, che usa anche per dire parole complesse (es. to-ta per torta, ba-ma per barca); ci sono sostituzioni di suoni, inversioni di sillabe o armonie consonantiche (es. tane per cane, poto per topo, papo per tappo). L'organizzazione sintattica della frase non è alterata ma la morfologia grammaticale è omessa o prodotta in modo scorretto (es. ma-ma toje ka-pa bi-bo: la mamma toglie la scarpa al bambino). Le realizzazioni fonologiche spesso sono poco intellegibili. In passato era conosciuto come ritardo semplice di linguaggio. Evolve spontaneamente verso i 5 anni: c'è miglioramento nellaproduzione verbale ma possono persistere difficoltà di analisi fonologica e di programmazione fonologica che portano a difficoltà di letto-scrittura (verso i 6 anni) e di accesso lessicale (verso 8 anni).

 Disturbi nei processi linguistici integrativi

  • Deficit lessicale, che riguarda le anomie
  • Deficit semantico-pragmatico, che riguarda i contenuti

Nel DSM-V (edizione aggiornata del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) si parla di Disturbo del Linguaggio, che unisce i precedenti disturbo della espressione del linguaggio e disturbo misto della espressione e della ricezione del linguaggio, e viene collocato all'interno dei Disturbi della Comunicazione, insieme al Disturbo fonetico-fonologico (in precedenza Disturbo della Fonazione), al Disturbo della Fluenza con esordio nell'Infanzia (che ha sostituito le Balbuzie) e al Disturbo della Comunicazione Sociale, una nuova condizione che comporta persistenti difficoltà nell’uso sociale della comunicazione verbale e non verbale.

Scrivici subito

oppure chiamaci

Dott.ssa Bradac 347 7186228
Dott.ssa Trimboli 329 0770479

HOME SWEET HOME

Vivere la casa in armonia

Cosa offre il servizio?

home sweet home

Dott.ssa, Francesca Trimboli

SOS Separazione e Divorzio

Un aiuto psicologico per affrontarli.

Cosa offre il servizio?

sos separazione e divorzio

Dott.ssa, Sara Bradac

SOS Genitori

Per l'evoluzione di se stessi e dei figli.

Cosa ti offriamo?

SOS Genitori

Dott.ssa, Francesca Trimboli
Dott.ssa, Sara Bradac

Vai su